Premiazione "Miglior piccolo scrittore"!


Favole Personalizzate - Il Paese Senza Nome

Qui potete leggere i libri dei ragazzi che si sono aggiudicati il premio di MIGLIOR PICCOLO SCRITTORE nell’ambito della gara di scrittura che ho promosso presso la scuola Manzoni-Ungaretti di Ceparana.

I vincitori sono Simone Arena (11 anni) con l’opera “Il paese senza nome” e Eleonora Rescigno (11 anni) con “Il miracolo di Natale”.

L’iniziativa è scaturita dalla mia partecipazione al progetto ministeriale Libriamoci a Scuola, nel corso del quale ho tenuto seminari in varie scuole della provincia di Massa-Carrara e di La Spezia. In veste di scrittrice e lettrice appassionata, ho parlato ai ragazzi dell’importanza dei libri e dei motivi per cui leggere è un privilegio oltre che un piacere. L’incontro presso la Manzoni-Ungaretti di Ceparana ha suscitato un tale interesse fra gli alunni delle secondarie di 1° grado che ho proposto loro di scrivere e illustrare una storia che avrei trasformato in un libro da regalare al migliore, libro che oggi è stato consegnato loro alla presenza di insegnanti, preside e genitori commossi fino alle lacrime!

Ho scelto il racconto di Simone Arena per la sua originalità, la sottile ironia e il messaggio finale, davvero profondo considerata la giovane età dell’autore. Ha della stoffa il ragazzo e, se ama scrivere, consiglio vivamente di continuare a coltivare questa passione.

Quanto a Eleonora Rescigno, ho apprezzato l’attualità della sua storia. L’autrice racconta il fenomeno dell’immigrazione da un punto di vista del tutto originale, quello di chi, da casa, segue con apprensione e speranza le vicende di un parente – nel suo caso il papà – che lavora per salvare la vita a chi fugge da guerra e miseria. Quella di Eleonora Rescigno non è una favola, è vita di tutti i giorni narrata con un pathos che commuove fino alle lacrime. Eleonora ha la stoffa della giornalista.

Favole Personalizzate - Il Miracolo Di Natale

Chissà, forse un giorno la vedremo in televisione come inviata speciale da qualche paese straniero. I due libri che potete leggere qui sono esattamente come li hanno scritti i loro piccoli autori. Il mio intervento di editing è stato minimo: una briciola di punteggiatura e qualche correzione ortografica. I ragazzi hanno realizzato anche le illustrazioni che io mi sono limitata a impaginare e inserire nel testo dov’era più opportuno. Che dire, dunque, se non “bravi!”

Devo un particolare ringraziamento alla professoressa Raffaella Giannozzi che ha curato gli aspetti logistici e organizzativi all’interno della scuola perché tutto questo si potesse realizzare. Grazie anche a tutte le altre professoresse che hanno letto e selezionato gli oltre 50 racconti prodotti dai ragazzi e alla dirigente scolastica Lucia Cariglia che ha permesso al suo istituto di far parte del progetto.

Il mio messaggio a tutti quanti è: leggete, leggete, leggete e, se lo sentite nelle vostre corde, provate anche a scrivere. Raccontate della vostra vita, delle vostre avventure, dei vostri desideri, inventate storie, tenete un diario se vi va. Leggere e scrivere è prerogativa esclusiva dell’essere umano, fa bene al cervello, arricchisce l’anima e non ha nessuna controindicazione.

Ecco il link a "Il Paese Senza Nome" di Simone Arena e a "Il Miracolo Di Natale" di Eleonora Rescigno

Altri Post
Noi sui social!
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
Archivio
Tag