Separati o no, si è genitori per sempre (Seconda parte)

(Qui trovate la prima parte)

Come si fa allora a separarsi senza traumatizzare i figli?

La ricetta è semplice: onestà, buonsenso, rispetto reciproco e rapporti civili.

Onestà con se stessi e con il partner. Non c’è niente di peggio di chi si ostina a portare avanti una relazione con la scusa che lo fa per i figli “perché, sai, sono piccoli e non voglio traumatizzarli”. È una bugia. Quando si ha la consapevolezza che una storia d’amore è finita è inutile trascinarla per forza perché l’infelicità è contagiosa e anche i bimbi la percepiscono.

Buonsenso. Se una storia finisce non è mai colpa di uno solo. Per quanto ci si possa sentire feriti e incolpevoli, difficilmente non si è avuto alcun ruolo nel fallimento di una relazione. Occorre farsi un bell’esame di coscienza prima di riversare tutte le colpe sull’altro.

Rispetto reciproco e rapporti civili. Che piaccia o meno si è genitori per tutta la vita, insieme o separati. La coppia può anche rompersi ma il rapporto deve rimanere nei limiti della civiltà per il bene dei figli. Meglio due genitori separati ma stabili e sereni, piuttosto che uniti e in continuo conflitto.

Facile e dirsi e difficile a farsi, potrebbe commentare qualcuno. Come sostengo da sempre: fare il genitore è il mestiere più difficile al mondo e, separati o no, si è genitori per sempre.

Altri Post
Noi sui social!
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
Archivio
Tag

© 2015 by My fairy tale - Favole Personalizzate - Arcola (SP) - Via Carpione 31 - tel. 3475524013

  • facebook-square.png
  • twitter.png
  • googleplus-square.png
  • youtube.png
  • instagram.png